Menu

Frank e Louie, il fortunato gatto dalle due facce

Tra gli amanti dei gatti non tutti conoscono la storia di Frank e Louie, detto anche Frankenlouie, il gatto a due facce, morto di cancro all’età di 15 anni il 4 dicembre 2014, presso la Scuola di Medicina Veterinaria di Cummings all’Università di Tufts a North Grafton.
La storia di questo gatto ha dell’incredibile.

Frank e Louie a pochi giorni

Frank e Louie – ‘Frankenlouie’ – nacque nel 1999 in una fattoria, con una malformazione congenita, quella che è conosciuta come malformazione di Giano, il dio romano con due facce. Il felino aveva due facce, due bocche, due nasi e tre occhi azzurri. L’allevatore lo portò presso la Tuffs University a North Grafton per farlo eutanizzare. Casi come il suo esistono, e non solo nei gatti. Spesso però presentano malformazioni congenite non solo a livello estetico, ma anche fisiologico, compromettendo anche gli organi interni. È raro che gattini a due facce sopravvivano più di qualche giorno.

Frank e Louie piccolo

L’infermiera veterinaria Marty Stevens, non credendo che il gatto sopravvivesse, decise di portarlo a casa con lei e di prendersi cura di lui. Contro ogni aspettativa, però, Frankenlouie crebbe e non presentava problemi di natura congenita; vinse così nel 2012 l’edizione del Guinness World Records come membro più longevo di un gruppo noto come gatti di Giano.
Inizialmente Frankenlouie fu alimentato con dei tubicini che venivano collegati ad entrambe le bocche, ma dopo pochissimo la Stevens si accorse che solo il lato di Frank era collegato al suo esofago. L’altro lato corrispondeva a Louie. Tuttavia, il gattino crebbe bene mangiando abbastanza per due e sviluppando rapidamente una forte personalità, che lo portava a camminare attorno al suo quartiere a North Grafton. Ovviamente, tutti lo conoscevano, e ne apprezzavano il fascino particolare. Frankenlouie era cieco nel suo occhio centrale, ma i suoi occhi esterni vedevano bene. Per tutto il resto, era un gatto normale, anzi, particolarmente affettuoso e dolce, tanto che vinceva la diffidenza delle persone che non lo conoscevano.

FrankenLouie e Marty Stevens

Questo gatto, così particolare, ha vissuto una vita tranquilla per quindici anni. Un gattino che era destinato a morire entro pochi giorni…

La diprosopia, la malattia di Frankenlouie è quella rara malformazione congenita in cui un feto nasce con due volti. Spesso la si attribuisce ad un caso gemellare. Ma non si tratta di gemelli congiunti o fusi. Dipende solo dalla formazione scorretta delle ossa facciali, causati dal malfunzionamento di una proteina chiamata SHH, che interviene nel processo di organogenesi. Si generano così dei caratteri del volto duplicati: due, tre o quattro occhi, due nasi, due bocche, ma di solito un solo encefalo. Ne sono stati registrati esempi da molte specie diverse, tra cui il nostro Homo sapiens. Diprosopia spesso si verifica in combinazione con vari altri disturbi congeniti, quali anencefalia, difetti del tubo neurale e malformazioni cardiache. Quando il cervello è presente, può presentare una serie di anomalie, che vanno dalla parziale o completa duplicazione delle strutture cerebrali al sottosviluppo dei tessuti cerebrali. Di conseguenza, solo pochi gatti di Janus (e altri animali diprosopici) sopravvivono alla nascita o continuano a vivere in età adulta.

Ecco perché il caso di questo gatto fa riflettere. Frankenlouie aveva 15 anni, un’età incredibile per un gatto di Giano, che superava di gran lunga tutti gli esempi precedenti e difficilmente potrà essere superato in futuro: un meraviglioso testamento all’amore e alla devozione che un essere umano, Marty Stevens, ha avuto nei suoi confronti.

V

Fonte:
http://www.pearltrees.com/t/funny-stuff/videos/id3412718#item26256648
http://karlshuker.blogspot.it/2011/01/sonic-hedgehog-and-janus-cats.html

http://www.telegraph.co.uk/news/2016/10/09/meet-nutmeg-could-this-be-the-worlds-oldest-cat/
http://www.dailymail.co.uk/news/article-2862950/Record-setting-cat-2-faces-dies-15.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *